Natale 2016

    I cioccolatini a forma di cuore sono ideali per stupire e deliziare il proprio partner a San Valentino. Una ricetta originale ce la suggerisce lo chef crudista Vito Cortese, fondatore di Nudo&Crudo, marchio italiano dedicato al crudismo gourmet. La ricetta è semplice e dal sapore prelibato, ideale per accendere l’amore e riscaldare gli animi, a base di un ingrediente preziosissimo: il cacao crudo che, oltre ad essere l’ “ingrediente dell’amore”, è una miniera di vitamine, sali minerali e antiossidanti. Dona energia, carica e forza. È capace di ridare il buon umore e la passione. E, per di più, è buonissimo in quanto, senza la cottura, tutte le proprietà organolettiche restano intatte.

    Ingredienti

    • Pasta di Cacao Cruda: 1 Tazza
    • Burro di Cacao Crudo: ¾ Tazza
    • Zucchero di Cocco: ½ Tazza
    • Vaniglia in polvere: ½ cucchiaino
    • Bacche goji: ½ tazza
    Ricettari correlati Scritto da

    Ricetta e preparazione

    1. Sia il burro di cacao che la pasta di cacao vanno misurati a secco, quindi bisogna prima tagliare a scaglie entrambi e poi misurarli.

    2. In una ciotola di acciaio unite tutti gli ingredienti tranne le bacche goji. Mescolate e iniziate a scioglierli a bagnomaria. Mantenete la ciotola sull'acqua calda fin a quando si sia sciolto ¾ dell'impasto, questo dovrebbe assicurarci di non superare i 42º-44º. Continuate a mescolare fin a quando tutti gli ingredienti non si siano completamente sciolti.

    3. Versate il cioccolato nello stampo a forma di cuore senza arrivare al bordo, aggiungete 2-3 bacche goji per cioccolatino e lasciate raffreddare in frigorifero per 30 minuti. Conservate i cioccolatini a temperatura ambiente fino al momento di servire.

    Consigli

    Dopo aver creato i cioccolatini, poneteli in una scatola di cartone, magari anch'essa a forma di cuore, e regalatela al vostro amato, il risultato sarà sicuramente garantito! Potete inoltre fare un mix con diversi gusti di cioccolatini. Il crudismo è nato in California tra la fine degli anni ’90 e l’inizio del Duemila, e noto anche come raw food, è un approccio alla cucina davvero originale, impiegando esclusivamente ingredienti di origine vegetale, e che ha come peculiarità l’idea che gli alimenti non debbano subire alcun processo di cottura. E in ogni caso non essere riscaldati a una temperatura superiore ai 42°C. A portare in Italia la cucina crudista gourmet è stato proprio Vito Cortese, giovane chef allievo di Matthew Kenney, guru mondiale del raw food.

    Natale 2016