NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Come tagliare le verdure: le tecniche più utilizzate in cucina

Come tagliare le verdure: le tecniche più utilizzate in cucina
da in Consigli di Cucina, Ricette Verdure, Segreti e consigli
Ultimo aggiornamento: Lunedì 08/06/2015 22:07

    Come tagliare le vedure

    Come tagliare le verdure? E quali sono le tecniche più utilizzate in cucina? Oggi vi proponiamo un’utile guida su come eseguire correttamente le principali tecniche per tagliare verdure e ortaggi. Molte di queste sono davvero semplicissime e potete utilizzarle in tantissime preparazioni e ricette. Altri tagli, invece, richiedono un po’ di manualità e dimestichezza ma con un po’ di impegno e un coltello ben affilato potrete ottenere dei risultati davvero perfetti!

    Taglio a chiffonade

    Il taglio a chiffonade consente di ridurre le verdure a foglia larga (ad esempio insalata) in piccole striscioline. Lavate accuratamente le verdure, eliminate l’estremità e staccate le foglie. Ripiegate le foglie in 2-3 parti e tagliate in modo da ricavare delle fettine sottili.

    Taglio a rondelle

    Lavate e asciugate una verdure con una forma stretta ed allungata come una zucchina. Posizionatela su di un tagliere, spuntate le due estremità e quindi tagliatela a rondelle. Potete tagliare le rondelle molto sottili o un po’ più spesse a seconda della preparazione che dovete realizzare.

    Taglio a fettine sottili

    Questo tipo di taglio viene di solito utilizzato per preparare le verdure grigliate. Lavate e asciugate una verdure dalla forma stretta e allungata come una melanzane. Sistematela su di un tagliere, spuntate le estremità e tagliate nel senso della lunghezza.

    Taglio a bastoncino

    Seguite il procedimento indicato per il taglio a fette sottili. Completate la procedura tagliando ogni fetta realizzata in bastoncini di circa 5 mm di larghezza. Questo taglio è molto indicato ad esempio per realizzare il pinzimonio di verdure.

    Taglio brunoise

    Il taglio brunoise consiste nel tagliare le verdure in piccoli cubetti di circa 2-3 mm per lato. Seguite il procedimento indicato per il taglio a bastoncino e poi riducete i bastoncini di verdure in cubetti di piccole dimensioni. Questo taglio è particolarmente indicato per preparare dei fondi di cottura.

    Taglio mirepoix

    Il taglio mirepix consiste nel tagliare a cubetti la carota, il sedano e la cipolla. L’obiettivo è ottenere un classico mix di solito utilizzato per la preparazione dei soffritti. In questo caso, è sufficiente seguire la procedura per il taglio a dadini. Quindi, dovrete ottenere dei piccoli cubetti.

    Taglio a julienne

    Il taglio a julienne consiste nel tagliare le verdure in bastoncini particolarmente sottili. Lavate e asciugate le verdure. Posizionatele su di un tagliere, spuntate le estremità e tagliatele a fettine sottili nel senso della lunghezza. Riducete ogni fettina in piccoli bastoncini particolarmente sottili.

    Taglio a concasser

    Il taglio a concasser o concassea viene utilizzato per tagliare le verdure sbollentate come i pomodori. Lavate e praticate un taglio a croce sul fondo di ciascun pomodoro. Sbollentateli in acqua bollente per qualche istante e poi immergeteli in acqua fredda per bloccarne la cottura. Eliminate la buccia, tagliate i pomodori a metà e poi in quarti ed eliminate i semi interni. Ricavate delle striscioline e poi tagliate a cubetti di piccole dimensioni.

    802

    PIÙ POPOLARI