In cucina, autunno fa rima con ricetta per la crostata di cachi. Se la crostata è un grande classico che non necessita di spiegazioni, i re della stagione sono i cachi, che iniziano a riempire le cassette dei fruttivendoli. Preziosi alleati per la nostra salute, i cachi sono ricchi di vitamina C e di fibre, aiutano a rafforzare il nostro organismo e lo reidratano. Ecco quindi come preparare una crostata di cachi freschi, dolce goloso e genuino, perfetto per la stagione autunnale.

    Ingredienti

    • Tre cachi maturi
    • Farina: 300gr
    • Zucchero bianco: 150g
    • Burro: 150gr
    • Un uovo intero
    • Un tuorlo
    • Scorza di limone grattugiata: qb
    • Sale: qb
    • Zucchero di canna: qb
    • Zucchero a velo: qb
    • Un Limone
    • Cioccolato fondente: qb
    • Vanillina: una bustina
    Ricettari correlati Scritto da

    Ricetta e preparazione

    1. Iniziate sempre con la preparazione della pasta frolla e in particolar modo, versando i 300gr di farina setacciata sul vostro piano di lavoro o in una ciotola molto capiente. La scelta sta a voi, assicuratevi solo di avere abbastanza spazio per impastare con facilità.
    2. Su un tagliere tagliate il burro a cubetti e aggiungetelo alla farina. In questo modo sarà più semplice amalgamare i due ingredienti e lavorali velocemente ottenendo un composto sbriciolato.
    3. Ora è il momento di aggiungere gli altri ingredienti per completare la pasta frolla della crostata di cachi freschi: zucchero, l’uovo intero e il tuorlo, un pizzico di sale, la scorza di limone grattugiata.
    4. Lavorate la pasta frolla molto velocemente e quando avrete ottenuto un composto liscio e omogeneo, dategli la forma di una palla.
    5. Avvolgete l’impasto ottenuto in una pellicola trasparente e riponetela in frigorifero per almeno trenta minuti.
    6. Passate ai cachi. Adagiateli su un tagliere e togliete loro la buccia con cura prima di frullarli con lo zucchero di canna, la buccia di limone grattugiata, il succo di un limone e la bustina di vanillina. Scegliete voi la quantità dello zucchero di canna da aggiungere in base a quanto volete che sia dolce la crema. Se già trovate piacevole il sapore dei cachi ve ne basterà aggiungere una piccola quantità.
    7. Tirate fuori dal frigo la vostra pasta frolla; prendetene circa 3/4 e stendetela sul piano di lavoro. Tiratela bene con le dita o aiutandovi con un mattarello prendendo già le misure per poi inserirla nella vostra tortiera, precedentemente imburrata. Per questo passaggio potete aiutarvi stendendo un velo di farina sul piano d’appoggio: renderà più facile l’operazione e la pasta non si attaccherà alla superficie.
    8. Inserite la pasta frolla nella tortiera assicurandovi di mantenere uno spessore di circa mezzo centimetro per ogni punto.
    9. Copritela con il composto di cachi lasciato a riposare. Cercate di distribuire in modo omogeneo la crema.
    10. Il restante quarto di pasta frolla vi servirà per creare i classici intrecci della crostata. Ripetete il procedimento di prima: un po’ di farina sul piano di lavoro, stendete bene l’impasto e tagliate delle strisce di diverse lunghezze ma della medesima larghezza e adagiatele sulla crema di cachi. Anziché il solito coltello, optate per una rotellina che darà l’effetto di bordi ondulati.
    11. Infornate a 180° per 35 minuti; ogni tanto controllate che la crema di cachi non si bruci. Dopodiché, sfornate la crostata di cachi e lasciatela raffreddare per una mezz’oretta circa prima di servirla.

    Consigli

    Per la buona riuscita della crostata di cachi, dovete scegliere dei frutti maturi e dolci. Mentre, se siete particolarmente golosi, oltre allo zucchero a velo potreste aggiungere una spolverata di cioccolato fondente tritato finemente. Da leccarsi i baffi!

    Conservazione

    Una fetta tira l’altra, ma per conservare la crostata di cachi freschi riponetela in un luogo fresco e asciutto, meglio se al buio e sotto una campana di vetro. Si conserverà per due-tre giorni.

    Varianti

    Sempre per restare in tema autunno, si possono usare altri ingredienti della stagione per creare la propria crostata di cachi preferita. Come la crostata di cachi e noci o la crostata di cachi e amaretti. In entrambi i casi basterà aggiungere un po’ di noci o amaretti sbriciolati alla crema di cachi e, o dare un’ultima frullata, o mescolare con un cucchiaio. La variante senza burro? È la crostata di cachi e ricotta: stesso procedimento ma al posto dei 150gr di burro aggiungete all’impasto 150gr di ricotta

    Vini da abbinare

    La regola vuole che a un dolce si debba sempre abbinare un vino dolce. In questo caso, avendo scelto della frutta fresca, alla crostata di cachi abbinate dei vini bianchi, dolci, caldi, e con profumo intenso come un Dorato Moscato-Passito.
     
     
     
     
     
    RICETTE PIU' POPOLARI