Curcuma: come usarla in cucina

Curcuma: come usarla in cucina

Con il suo colore giallo acceso ed il suo sapore tutto orientale, la curcuma è una spezia preziosa anche e soprattutto per le sue proprietà nutritive. Ecco allora alcuni consigli su come e dove usare la curcuma per dare alle vostre pietanze un sapore inconfondibile.

da in Consigli Di Cucina, Cucina Dal Mondo, Cucina Orientale, Curcuma, Ricette Spezie
Ultimo aggiornamento:
    Curcuma: come usarla in cucina

    Oggi vi diamo alcuni consigli su come usare la curcuma in cucina! Questa spezia dal tipico colore giallo ocra è nota in India da più di 5.000 anni per le sue proprietà antifinfiammatorie e coloranti oltre che come spezia per insaporire i cibi. La curcuma è una pianta erbacea che presenta lunghe foglie ovali e fiori particolari da cui vengono estratti i rizomi. I rizomi non sono altro che le radici della curcuma: essi vengono venduti freschi oppure sono lavorati ed essiccati fino ad ottenere questa benefica polverina di colore giallo.

    Cos’è la curcuma

    La curcuma è una spezia di origine orientale che conferisce ai piatti una colorazione giallo acceso ed un aroma intenso e particolare. Questa spezia, nota anche come zafferano delle Indie, è quotidianamente utilizzata in Asia per la preparazione delle pietanze più disparate. Da qualche tempo, la curcuma è sempre più presente sulle nostre tavole e non solo per il suo sapore. Questa spezia è un vero e proprio toccasana per il nostro organismo: ha un’azione immunostimolante, riduce il colesterolo e l’invecchiamento cellulare. Addirittura la curcuma è un potente antinfiammatorio e, secondo recenti studi, impedisce il proliferare delle cellule tumorali. Per godere a pieno dei principi nutritivi di questa spezia, bisognerebbe consumarne 3gr ogni giorno.
    Grazie al suo colore acceso, la curcuma è utilizzata anche come colorante naturale.

    Curcuma fresca

    La curcuma è una spezia molto usata nella cucina orientale grazie ai suoi effetti benefici e solo recentemente è approdata nelle nostre cucine. Forse proprio per le sue proprietà, il consumo di curcuma è aumentato tantissimo e pertanto è diventato anche piuttosto semplice trovarla in commercio.
    La curcuma fresca si presenta sotto forma di radice o rizoma. Assomiglia molto allo zenzero fresco, ma ha una buccia esterna più rossastra e l’interno è di un colore aranciato.
    La radice va lavata, sbucciata con un coltellino e affettata o grattugiata a crudo per apprezzarne al meglio l’aroma.

    Curcuma in polvere o essiccata

    La curcuma in polvere, grazie alla sua consistenza, ha il vantaggio di essere facilmente incorporata nelle preparazioni. Essa è ottenuta bollendo i rizomi per diverse ore e poi essiccandoli e schiacciandoli fino ad ottenere una polvere dal tipico colore giallo. La curcuma essiccata si caratterizza per un sapore più intenso e amarognolo rispetto a quella fresca.
    Se volete dare ai vostri piatti un colore uniforme e di un giallo acceso, la curcuma in polvere farà al caso vostro!
    Inoltre, vi suggeriamo di sciogliere questa spezia in polvere con un grasso, come olio o panna, per assimilarne al meglio le proprietà.

    Come scegliere la curcuma

    La curcuma è una spezia che trovate sia fresca che in polvere. In entrambi i casi è ormai facilmente reperibile nei negozi di alimentari e anche ad un prezzo accessibile a tutti. Ma come scegliere la curcuma da acquistare? Dipende dal sapore che volete dare ai vostri piatti: la curcuma in polvere ha un sapore più amarognolo rispetto alla radice che ha un tocco maggiore di freschezza.
    Se acquistate della curcuma fresca assicuratevi sempre che il rizoma abbia la pelle soda ed intatta.

    Come pulirla e tagliarla

    La curcuma in polvere, ovviamente non ha bisogno di essere pulita e va direttamente aggiunta alle vostre preparazioni.
    Per quanto riguarda i rizomi di curcuma, il procedimento per pulirli e tagliarli è del tutto simile a quello dello zenzero fresco. Quindi lavate sotto acqua corrente la radice e poi lasciatela sgocciolare o tamponatela con della carta assorbente. A questo punto con un coltellino affilato eliminate la buccia e poi affettate finemente la radice di curcuma. Una volta sbucciato, potete anche grattugiare il rizoma con l’apposito grattugino.
    Se non volete rischiare di macchiarvi con la curcuma, fresca o in polvere, utilizzate dei guanti monouso e pulite velocemente le superfici su cui l’avrete poggiata.

    Come usare la curcuma in cucina

    Dunque questa spezia è davvero preziosa ed apprezzata per le sue innumerevoli proprietà benefiche. Ma come usare la curcuma in cucina? Avete l’imbarazzo della scelta. Per il suo caratteristico aroma pungente ed il suo sapore amarognolo, la curcuma è utilizzata soprattutto in preparazioni salate. In Oriente è perlopiù inserita in secondi piatti di carne o in zuppe e minestre. Tuttavia da quando è entrata a far parte della nostra cucina, la curcuma è diventata anche una spezia adatta ad insaporire paste e risotti. Infine, lo “zafferano d’oriente” è usato anche in preparazioni dolci, grazie anche alle sue proprietà di colorante naturale. In realtà il suo sapore si sposa bene anche con la frutta secca e la panna, quindi è ideale per la preparazione di biscotti, torte, budini e panne cotte. Vi suggeriamo qualche idea per usare la curcuma in cucina.

    curcuma nelle insalate

    Le proprietà della curcuma fresca sono innumerevoli: stimola la funzionalità dell’apparato digerente, ha un’azione disintossicante e purificante ed ha anche un potere cicatrizzante, antinfiammatorio e antitumorale. Allora perchè non utilizzarla per insaporire le vostre insalate?

  • Sbucciate il rizoma fresco della curcuma, ovvero la radice.
  • Grattugiatelo direttamente sulle verdure condite a crudo con sale e olio. Scegliete una classica lattuga e altre verdure da affettare finemente come zucchine, peperoni o funghi.
  • Otterrete un piatto sano, leggero e caratterizzato dall’aroma lievemente amarognolo e pungente di questa spezia.

    pasta zucchine curcuma

    Tra le tante ricette a base di curcuma, non possiamo non suggerirvi quelle che vedono come protagonista la pasta. Un abbinamento perfettamente riuscito è quello con le zucchine:

  • Lavate 1 kg di zucchine e tagliatele a rondelle.
  • Rosolate le zucchine in padella con una cipolla tritata e una noce di burro.
  • Portate le zucchine a cottura aggiungendo un bicchiere d’acqua in cui avrete sciolto 1 cucchiaio di curcuma.
  • Scolate 400gr di pasta che avrete cotto in abbondante acqua salata e saltatela in padella con il sugo di zucchine alla curcuma.
    Questa spezia si sposa molto bene anche con la panna che ne smorza il sapore intenso, pertanto potete anche condire la pasta con la panna aromatizzata alla curcuma e dei funghi saltati. Vi leccherete i baffi!

    risotto con curcuma

    La curcuma in polvere è utilizzata spesso per la preparazione del risotto che si caratterizzerà per un sapore ed un colore aranciato tipico della cucina orientale. Seguite il procedimento tipico per la preparazione del risotto alla curcuma:

  • Tostate in padella 320gr di riso con un filo d’olio e una cipolla tritata.
  • Sciogliete 2 cucchiaini di curcuma in 1 litro e mezzo di brodo vegetale.
  • Aggiungete poco per volta il brodo in padella fino a portare a cottura il risotto.

    Ci vorranno circa 18 minuti.

  • Spolverate il risotto alla curcuma con del pepe nero fresco.
  • Volendo, potete aggiungere a questo risotto aromatico alla curcuma della pancetta abbrustolita in padella.

    vellutata di zucca alla curcuma

    La curcuma è perfetta anche per aromatizzare zuppe e minestre, ad esempio una vellutata di zucca alla curcuma.

  • Lavate la zucca, eliminatene la buccia esterna con un coltellino e tagliatela a pezzi.
  • Cuocetela in pentola per 30 minuti con una cipolla tritata, mezzo bicchiere d’acqua, 1 cucchiaino di curcuma in polvere, una punta di peperoncino e aggiustate di sale.
  • Quando la zucca sarà pronta, con il minipimer ottenetene una vellutata e servitela con un cuore cremoso al formaggio, ad esempio della ricotta o del gorgonzola.
  • Concludete con un filo di olio a crudo.
  • golden milk

    In Oriente la curcuma fresca è utilizzata per la preparazione del golden milk: una bevanda molto diffusa tra i maestri yogi dell’India per le sue proprietà antinfiammatorie ed antibatteriche.

  • Sbucciate e grattugiate 5cm di radice di curcuma fresca.
  • Scaldate 200ml di latte e lasciatevi in infusione per 10 minuti la curcuma e le altre spezie: la buccia di 1 limone, un pizzico di pepe e di cannella.
  • Filtrate il latte con un colino, aggiungete il miele ed assaporate la vostra bevanda alla curcuma.
  • olio alla curcuma

    Il rizoma fresco della curcuma è ideale per realizzare l’olio aromatizzato alla curcuma. La radice infatti ha un sapore più persistente rispetto alla spezia in polvere.

  • Sbucciate e tagliate a pezzetti 5cm di radice di curcuma.
  • Fateli macerare per 10 giorni in 500ml di olio extravergine di oliva.
  • Trascorso il tempo necessario, filtrate l’olio e conservatelo in un’ampolla di vetro.
  • Aggiungete l’olio a crudo sulle vostre pietanze per apprezzarne al meglio l’aroma.

    Shahi Paneer ganished with fresh mint

    La curcuma può rivelarsi un ingrediente prezioso per dare alle vostre salse un tocco di sapore originale. Ad esempio, aggiungete un po’ di curcuma allo yogurt o alla maionese per accompagnare una grigliata di carne o pesce.
    Questa spezia sta bene anche con la salsa di pomodoro: aggiungetene un cucchiaino a metà cottura per ottenere una salsa al pomodoro più densa e aromatica.

    verdure cereali curcuma

    Le verdure ripiene di curcuma e cereali sono un idea sfiziosa per cucinare un antipasto o un piatto unico speziato e colorato.

  • Iniziate svuotando e sbollentando delle zucchine tonde o dei pomodori in abbondante acqua.
  • Riempiteli poi con i cereali cotti che preferite come farro o quinoa e altre verdure a piacere. La curcuma dove va inserita? O nell’acqua di cottura dei cereali o nelle verdurine che userete per condirli, a voi la scelta!
  • Gratinate ora le vostre verdure ripiene al forno con un filo d’olio per almeno 15 minuti, fino a che la superficie non sarà dorata.
  • curcuma nelle verdure

    Aromatizzate il vostro contorno di verdure con la curcuma in polvere. Dato che la curcuma viene assimilata meglio se combinata con un grasso, scaldate l’olio in padella e scioglietevi un cucchiaino di curcuma. Quando l’olio sarà ben caldo saltatevi velocemente le verdure che preferite come ad esempio broccoli, zucchine o peperoni. Et voilà, il vostro contorno di verdure alla curcuma sarà giù pronto per essere gustato!

    patate alla curcuma

    Le patate alla curcuma sono un contorno semplice da realizzare e una valida alternativa alle classiche patate saltate in padella.

  • Sbucciate 500gr di patate con il pelapatate, sciacquatela e tagliatele a cubetti non troppo grossi.
  • In una padella antiaderente rosolate uno spicchio d’aglio in olio e poi aggiungetevi le patate.
  • Salate, pepate ed aggiungete mezzo cucchiaio di curcuma.
  • Coprite con un coperchio e lasciate cuocere per una ventina di minuti. Se necessario, aggiungete mezzo bicchiere d’acqua.
  • Le vostre patate speziate alla curcuma saranno pronte non appena assumeranno un colore dorato. Mi raccomando, servitele ben calde!
  • cracker alla curcuma

    Avete voglia di uno spuntino spezzafame assolutamente sano? Preparate dei cracker alla curcuma fatti in casa, da tenere a portata di mano per improvvisi attacchi di fame.

  • Versate in una ciotola 300gr di farina, 50ml di acqua, 70ml di olio extravergine di oliva e 50ml di vino bianco.
  • Mescolate questi ingredienti e poi aggiungete 2 cucchiaini di curcuma, una manciata di sesamo e un pizzico di sale, paprika piccante e pepe.
  • Impastate il tutto con le mani per qualche minuto fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo. Copritelo con la pellicola e lasciate riposare in frigorifero per 20 minuti.
  • Trascorso il tempo necessario prendete l’impasto e stendetelo su un piano leggermente infarinato con l’aiuto di un matterello. Dovrete ottenere una sfoglia dello spessore di 3-4 millimetri.
  • Tagliatela ora in quadrati o rettangoli.
  • Disponete i cracker alla curcuma su una teglia ricoperta di carta forno e cuocete in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti.
  • pollo alla curcuma

    Basta dare un’occhiata ad un ricettario orientale per trovare tantissimi piatti di carne a base di curcuma: spezzatini, stufati e polpette. Perlatro, la curcuma è uno degli ingredienti principali del curry, mix di spezie molto utilizzato in Oriente per condire secondi piatti. Una ricetta interessante è quella del pollo tandoori alla curcuma, un secondo piatto gustoso e semplice da realizzare.

  • Prendete 1kg di cosce di pollo, privatele della pelle e praticatevi delle incisioni in superficie.
  • A parte lavorate 500ml di yogurt con un aglio a fettine, un cucchiaio di curcuma, lo zenzero e 150ml di panna.
  • Ricoprite il pollo con il composto ottenuto e lasciate marinare in frigorifero coperto da pellicola per almeno 24ore.
  • Trascorso il tempo necessario, disponete le cosce ricoperte delle marinata in una teglia da forno e cuocete a 200° per 40 minuti circa.
  • Nella cucina thai spesso la curcuma è aggiunta al latte di cocco nella realizzazione di gustose zuppe. Provatela anche così!

    frullato curcuma

    Un’idea semplice e veloce? Uno smoothie alla banana e curcuma:

  • Sbucciate una banana non troppo matura e mettetela, tagliata a fette, nel frullatore.
  • Aggiungete 250ml di latte, 1 cucchiaio raso di curcuma ed una manciata di mandorle.
  • Frullate fino ad ottenere la consistenza desiderata: lo spuntino è pronto!
  • La radice della curcuma sta benissimo anche in frullati del tutto salutari: centrifugate e frullate spinaci e carote ed aromatizzate il frullato con curcuma e qualche granello di pepe nero.

    curcuma dolci

    Utilizzate la curcuma anche nei dolci, vi sorprenderà per il tocco di colore ed aromaticità che conferirà a biscotti, muffin, torte o creme! La curcuma, inoltre, si sposa benissimo con la cannella.
    Noi vi suggeriamo una torta di carote e mandorle alla curcuma: un dolce squisito e sano allo stesso tempo.

  • Lavate, pelate e grattuggiate 300gr di carote.
  • Tritate finemente 50gr di mandorle.
  • In una ciotola lavorate 3 uova con 150gr di zucchero, 250gr di farina, una bustina di lievito per dolci, 2 cucchiaini di curcuma, 90gr di olio di semi, le carote e le mandorle.
  • Amalgamate il tutto per bene e versate l’impasto ottenuto in uno stampo di 24cm di diametro.
  • Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti.
  • tisana curcuma

    La tisana alla curcuma è molto utile per combattere raffreddori e infiammazioni delle vie orali ed ha un forte effetto antiossidante.

  • Portate ad ebollizione l’acqua e scioglietevi 2 cucchiaini di curcuma in polvere, o aggiungetevi qualche fettina di rizomi freschi.
  • Lasciate in infusione per 10 minuti e poi aggiungete gli altri ingredienti a piacere: limone, zenzero e un pizzico di pepe.
  • Bevete la tisana ancora calda.
  • Curcuma e zenzero sono due spezie dal sapore intenso che si abbinano e bilanciano alla perfezione. Potete utilizzarle sia in polvere che fresche. Provate ad aromatizzare un tè caldo con 3gr di radice di curcuma e 3gr di zenzero grattugiati. Oppure preparate una tisana energizzante lasciando le due spezie in infusione in acqua bollente ed aggiungendo un cucchiaio di miele.

    Come conservare la curcuma

    Per conservare la curcuma usate accorgimenti diversi a seconda che si tratti di curcuma fresca o essiccata. Nel primo caso conservate la radice per un paio di settimane in frigorifero in un sacchettino per alimenti. Nel secondo caso invece, la curcuma va conservata in barattolini di vetro a chiusura ermetica e lontano da fonti di luce o calore.

    3177

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Consigli Di CucinaCucina Dal MondoCucina OrientaleCurcumaRicette Spezie
     
    RICETTE PIU' POPOLARI