Natale 2016

    Oggi vi spiegheremo la ricetta originale sarda dei malloreddus alla campidanese. Con il nome malloreddus, indichiamo i classici gnocchetti sardi. È una pasta tipica della cucina tradizionale sarda fatta a forma di conchigliette rigate fatte con semola e acqua. Il nome malloreddus deriva dal metodo di lavorazione dell’impasto della pasta che assumeva una forma a vitellino. Questa pasta tradizionale viene preparata in ogni occasione, dalla festa in famiglia alle sagre di paese. Una curiosità è che in passato lo zafferano veniva usato nell’impasto per preparare la pasta, oggi invece viene usato come condimento nella salsa che tradizionalmente accompagna il piatto.

    Ingredienti

    • Malloreddus (gnocchetti sardi): 500 gr
    • Salsiccia fresca: 150 gr
    • Passata di pomodoro: 500 gr
    • Olio extravergine d’oliva: q.b.
    • Basilico: 5 foglie circa
    • Cipolla: 1
    • Zafferano e aneto: q.b.
    • Pecorino grattugiato: q.b.
    • Sale: q.b.
    Ricettari correlati Scritto da

    Ricetta e preparazione

    1. Per prima fate scaldare l’olio in una padella e quando diventa ben caldo aggiungete la cipolla. Quando la cipolla si sarà dorata, aggiungete la salsiccia e fatela rosolare per circa 12 minuti. Quando la salsiccia assume un bel colorito, aggiungete la passata di pomodoro. Cuocete insaporendo con zafferano, sale e un rametto di aneto.

    2. Fate cuocere il vostro sughetto per circa 20 minuti e dopo questo tempo aggiungete le foglie di basilico e terminate la cottura del sugo. A questo punto cuocete i malloreddus ovvero gli gnocchetti, in abbondante acqua salata. Solateli e trasferiteli nella pentola con il sughetto amalgamando per bene. Serviteli con abbondante pecorino sardo grattugiato.

    Consigli

    Gli gnocchetti sardi possono essere preparati in tanti modi, ma questa è la ricetta tradizionale. Potete sostituire la salsiccia ma vi consigliamo di non togliere lo zafferano e il pecorino. Potete aggiungere un po’ di scorza di limone al condimento. Servite sempre con un buon vino. Foto di Ewan Munro

    Natale 2016