Menù Halloween: patatine fritte mostruose

patatine halloween
  • Difficoltà Difficoltà:

    Facile

  • Tempo Tempo:

    20 min

  • Persone Persone:

    4

  • Calorie Calorie:

    764 kcal/Porz.

Ecco una ricetta facilissima per Halloween: le patatine fritte mostruose. Come le facciamo? Prepareremo dei mostri un po’ futuristici a base di patatine fritte, formaggio filante e varie che sarebbero delle teste. Questa ricetta è facile e assolutamente personalizzabile quindi via libera alla vostra fantasia e a quella dei vostri bambini. Questa ricetta va bene come secondo piatto o contorno ma è perfetta anche da usare come piatto forte per una festa a tema di Halloween sia per i bimbi che per quelli più grandicelli.

Ingredienti

  • patatine fritte
  • formaggio tipo : a volontà
  • sale: qb
  • o polpettine: qb

Ricetta e preparazione

Seguite le istruzioni.

  1. Preparate le patatine fritte quelle tipo stick e poi mescolatele con il formaggio, meglio usarne uno che si scioglie subito poi fate delle porzioni, una per ogni piatto.

  2. Decorate con o per fare tipo dei mostri.

Consigli

Completate con un pizzico di sale e servite. Divertitevi a giocare con le salse per preparare delle decorazioni mostruose e terrificanti.
Per chi non può mangiare la frittura
Come sappiamo non tutti possono mangiare la frittura. Perciò dovete necessariamente preparare una ricetta sempre divertente e mostruosa di riserva. Ecco allora le patate sanguinose. Si preparano in tre quarti d’ora. Ecco con quali ingredienti: 2 patate medie, 1 mozzarella, 2 cucchiai, ketchup, sale e pepe.
Far bollire le patate per circa 40 minuti. Quando saranno morbide scolarle, scavare l’interno e formare delle barchette. Prendere l’interno avanzato della patata, schiacciarlo, unire una mozzarella e un cucchiaio di ketchup. Amalgamare bene, Aggiustare di sale e pepe e rimepire le barchette in maniera poco armoniosa, dovranno sembrare delle interiora. Mettere per qualche minuto sotto il grill del forno a 200°C per gratinare. Decorare con altro ketchup e servire.

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

da in

Commenti (2)

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Katia 22 ottobre 2011 10:27
Anija 24 ottobre 2011 14:33

Citare le fonti o almeno usare foto originali sarebbe carino. Mi chiedo a questo punto se chi ha scritto questo post abbia almeno provato quello che ha scritto.

http://www.evilmadscientist.com/article.php/edibleeyes
In realtà, nella foto si tratta di un dolce.

Rispondi Segnala abuso