Pasta secca: varietà e valori nutrizionali

Pasta secca: varietà e valori nutrizionali
da in Consigli di Cucina, Ricette Pasta, Segreti e consigli
Ultimo aggiornamento: Lunedì 02/11/2015 09:57

    Qual è la pasta più saporita?

    In commercio esistono diverse varietà di pasta secca ognuna con i propri valori nutrizionali. La varietà più diffusa è quella di semola di grano duro, ma ne esistono altre come la pasta di farro e quelle semi-integrali ed integrali. In linea generale la pasta ha un elevato apporto energetico ed è molto saziante. Quella integrale, tuttavia, apporta una maggior quantità di fibre, vitamine e sali minerali. Questo alimento si presta benissimo a qualsiasi preparazione, ma se volete una pasta più saporita e gustosa optate per quella integrale o semi-integrale, meglio ancora se di farro. Foto di Kelly Garbato

    Formati di pasta

    In commercio esistono tantissimi formati di pasta secca in grado di accontentare tutti i gusti. In linea generale è possibile distinguere tra pasta corta e lunga. La prima può essere utilizzata per realizzare primi piatti, zuppe, pasta al forno e altre preparazioni. La pasta lunga, invece, necessita di tempi di essiccazione più lunghi rispetto ai formati corti. Ciò comporta un aumento dell’acidità migliorandone di conseguenza digeribilità e sapore. Foto di Eden, Janine and Jim

    Pasta di semola di grano duro

    La varietà di pasta più diffusa in commercio è quella di semola di grano duro. Questa pasta è un alimento dall’elevata densità energetica (circa 350 Kcal ogni 100 grammi) e dall’elevato contenuto di amidi. L’apporto proteico è tuttavia basso come anche quello di fibre. E’ un alimento molto saziante che spinge a mangiare meno durante l’arco della giornata. Foto di Guy Renard

    Pasta di farro

    La pasta di farro è energetica quanto quella di semola di grano duro. Ha un elevato potere saziante e ciò spinge a magiare di meno durante l’arco della giornata. E’ costituita da un maggior quantità di proteine (15.1%) rispetto alla pasta di grano duro (circa 13%). Presenta anche alte dosi di calcio e fosforo, utili per le ossa e per i muscoli. Foto di Maritè Toledo

    Pasta integrale

    La pasta integrale vanta un maggior contenuto di fibre e un apporto proteico leggermente superiori rispetto alle paste tradizionali. Presenta una maggior quantità di vitamine (soprattutto del gruppo B) e di sali minerali. La pasta integrale è anche più saziante rispetto a quella bianca, ma ha un numero di calorie leggermente inferiore. Inoltre, se preferite una pasta più gustosa le paste integrali o le semi-integrali (meglio se di farro) fanno proprio al caso vostro. Foto di Meal Makeover Moms

    622

    Speciale Pasqua