Scrippelle

Scrippelle

    Con il termine scrippelle abruzzesi ci si può riferire generalmente ad almeno due ricette distinte, non considerando le numerose varianti che queste a loro volta generano. Le scrippelle teramane, ad esempio, sono paragonabili a delle sottili crepes, mentre le scrippelle fritte possono essere sia dolci che salate e sono preparate con un impasto lievitato di patate e farina. Alle scrippelle dolci si aggiunge ovviamente lo zucchero nell’impasto. Vengono poi fritte in abbondante olio caldo e le dolci sono cosparse molto generosamente di zucchero semolato. Il primo piatto famoso a Teramo e provincia, che si è presto diffuso in tutta la regione, invece, può essere preparato ed utilizzato in diverse ricette, gustato sia col brodo – e allora parleremo di scrippelle ‘mbusse – o combinato con altri ingredienti a formare i mitici timballi domenicali, ovvero teglie di pasta al forno per pranzi in famiglia ricchi di gusto.

    Ingredienti

    • Farina: 80 grammi
    • Acqua: 250 ml
    • Olio: 1 cucchiaio
    • Uova: 4
    • Sale: 1 pizzico

    Ricetta e preparazione

    1. In una scodella sgusciare le uova, unire sale e olio e sbattere per miscelare gli ingredienti. Incorporare lentamente la farina, continuando a sbattere. Unire anche l’acqua, solo mescolando. La pastella dovrà risultare piuttosto liquida.

    2. Scaldare a fuoco medio una padella antiaderente unta in maniera uniforme con dell’olio (potete usare uno scottex imbevuto) e versare una mestolata di pastella, lentamente, girando anche la padella in modo da creare uno strato unico sottile.

    3. Cuocere per qualche minuto, poi girare la scrippella e lasciare sul fuoco ancora per qualche minuto, fino a quando si colorerà leggermente.

    4. Ungere di nuovo la padella e procedere fino alla fine della pastella, mescolandola sempre un po’ prima di versarla a cuocere.

    5. Gustare le scrippelle condite con pecorino e tuffate in brodo leggero di gallina, oppure al posto della pasta sfoglia per la pasta al forno, o ancora arrotolate come fossero cannelloni e quindi condite coon sugo o in bianco e ripassate al forno.

    Consigli

    Appena si versa la pastella sulla padella, cercate di girare la padella con un movimento veloce, in modo tale da spargere il composto e fargli prendere la forma rotonda. Se non siete contente del risultato e volete delle scrippelle più sottili, basterà aggiungere dell’acqua.

    scrippelle
    Le scrippelle o torcinelli sono un dolce tipico della tradizione abruzzese. In realtà, come abbiamo già visto, il nome riguarda diverse varianti di una ricetta che può essere preparata sia salata che dolce. I dolcetti sono un impasto di farina, zucchero e patate lesse che poi vengono fritti e passati nello zucchero. Un dolcetto facile facile da preparare quando si sta insieme.

    Ingredienti

    • Farina: 1 kg
    • Lievito: 2 cubetti
    • Patate lesse: 3
    • Zucchero: 1 pizzico
    • Olio per friggere: q.b.
    • Sale: 1 pizzico
    • Arance: 1 scorza

    Ricetta e preparazione

    Ecco le istruzioni.

    1. Unire tutti gli ingredienti impastare, e far lievitare al caldo coperto per almeno un paio d’ore.

    2. Quando la pasta sarà ben lievitata si pone sul fuoco un tegame a bordi alti con abbondante olio di oliva.

 Prendere porzioni della pasta con le mani unte, allungarle e dare una forma a tortiglione, friggere a fuoco vivo.

    3. Scolare, far asciugare su un foglio di carta assorbente spolverizzare con zucchero semolato e cannella in polvere.

    Consigli

    Le scrippelle sono ottime se servite subito, immediatamente, praticamente devono ancora fumare.

    666

    Natale 2016

    TOP VIDEO
    PIÙ POPOLARI