Un grande classico della tradizione campana: la ricetta degli spaghetti alle vongole veraci. Sedersi in un tipico ristorante del posto e provare questo primo piatto di pesce è una tappa obbligatoria di tutti i turisti di Napoli e dintorni, magari degustandoli sul lungo mare. Nel capoluogo campano vi sono più modi per cucinarli, ma oggi proveremo la ricetta classica, quella degli spaghetti alle vongole veraci in bianco che, nonostante quel bianco, hanno 452 calorie a porzione! La difficoltà è minima, basta scegliere delle vongole fresche e accompagnarle con spaghetti o, come qualcuno preferisce chiamarli, vermicelli. Il sapore di mare si diffonderà immediatamente nella vostra cucina!

    Ingredienti

    • Spaghetti: 320gr
    • Vongole veraci: 1kg
    • Aglio: 1 spicchio
    • Prezzemolo: 1 mazzetto
    • Olio extravergine d’oliva: qb
    • Pepe: qb
    • Sale fino: qb
    • Sale grosso: qb
    Ricettari correlati Scritto da

    Ricetta e preparazione

    1. Iniziate sempre dalla pulizia delle vongole veraci. Questa è la parte più dispendiosa e laboriosa della ricetta, ma è anche la più importante dato che vi assicurerà di non ritrovarvi con qualche sgradevole granello di sabbia sotto ai denti.
    2. Munitevi di una ciotola particolarmente capiente e disponetela sul piano di lavoro. Qui andranno riposte tutte le vostre vongole veraci dopo averle accuratamente lavate con dell’acqua corrente.
    3. Non appena terminato questo primo step della pulizia, ricoprite completamente i molluschi con dell’acqua e non dimenticate di aggiungere una consistente manciata di sale grosso. In questo modo inizierà il vero e proprio spurgo delle vongole veraci. Inoltre, muovendole una contro l’altra con le mani, perderanno molto più velocemente la sabbia ancora presente al loro interno.
    4. Questo procedimento vi terrà occupati per circa due ore: tutte le volte che l’acqua sarà sporca dovrete cambiarla ricordandovi sempre di aggiungere una manciata di sale grosso. Quando l’acqua sarà chiara e priva di spurghi dei molluschi allora l’operazione sarà terminata.
    5. A questo punto passate al soffritto: utilizzate un cucchiaio come misurino per l’olio da aggiungere in una pentola abbastanza capiente (dovrà contenere tutte le vongole e gli spaghetti). I cucchiai abbondanti di olio extravergine d’oliva da aggiungere sono quattro, assieme agli spicchi d’aglio precedentemente sbucciati e schiacciati.
    6. Utilizzate quel paio di minuti che servono al soffritto per completare la sua preparazione, per scolare con cura le vongole, sciacquarle e aggiungerle al tegame ancora caldo. Chiudete con il coperchio e lasciate cuocere per qualche minuto a fiamma alta.
    7. In questo modo, e con il calore, le vongole a poco a poco si apriranno. Per velocizzare il procedimento, agitate di tanto in tanto la padella.
    8. Non appena tutte le vongole veraci saranno completamente aperte, spegnete la fiamma e togliete gli spicchi di aglio. Ricordatevi di scolare anche il succo.
    9. A questo punto potete occuparvi della preparazione degli spaghetti che andranno a completare il vostro primo di pesce. Per questa parte il procedimento è molto semplice e tradizionale: preparate una pentola dai bordi alti ripiena di acqua e portate a ebollizione. Dopodiché aggiungete una manciata abbondante di sale grosso, abbassate la fiamma e aggiungete gli spaghetti.
    10. Controllate l’orologio: i classici spaghetti dovrebbero cuocere in 9 nove minuti circa. Scolateli non appena pronti, ma conservate un mezzo bicchiere di acqua utilizzata per la cottura. Servirà per il prossimo passaggio.
    11. Aggiungeteli alla pentola contenente le vongole. Riaccendete la fiamma per proseguire la cottura aggiungendo mezzo bicchiere dell’acqua della pasta.
    12. Dopo un paio di minuti aggiungete anche il mazzetto di prezzemolo precedentemente tritato con una mezzaluna e aggiustate con un pizzico di sale e pepe a piacimento.
    13. Un’ultima sfiammata e gli spaghetti alle vongole veraci saranno pronti da servire!

    Consigli

    Servite i vostri spaghetti alle vongole veraci ancora caldi, ma ricordatevi che per la buona riuscita di questo piatto fondamentale è scegliere ingredienti di ottima qualità. Assicuratevi quindi, che le vongole siano freschissime!

    Conservazione

    Meglio consumare subito gli spaghetti alle vongole veraci, ma se proprio dovete conservarli allora riponeteli all’interno di un contenitore ermetico chiuso in frigorifero per al massimo un paio di giorni.

    Varianti

    La variante fonte di numerose diatribe tra i sostenitori di una o dell’altra ricetta è quella degli spaghetti alle vongole con i pomodorini. Ne occorreranno una quindicina e andranno uniti, dopo averli lavati e tagliati a metà, in padella all’olio e all’aglio all’inizio della preparazione. Dopodiché, procedete seguendo i passaggi sopra descritti. Altra variante particolarmente apprezzata è quella degli spaghetti alle vongole e cozze. Alla lista degli ingredienti aggiungete anche un chilo di cozze che andranno lavate e preparate nel medesimo modo di quello visto poco fa per le vongole. Ricordatevi però che, per quanto riguarda le cozze, anche la conchiglia andrà pulita con una paglietta d’acciaio sotto l’acqua corrente. Se volete essere sicuri al cento per cento di aver eliminato tutta la sabbia, potete sbatterle una a una su un tagliere di legno.

    Vini da abbinare

    Con gli spaghetti alle vongole veraci abbinate un vino bianco, magari uno tipico della Campania come il Solopaca, vino dal sapore vellutato e asciutto, con colore giallo simile alla paglia.
     
     
     
     
     
    RICETTE PIU' POPOLARI